Ottosublog

Not your everyday neuromarketing blog

Valori in cui riconoscersi e attenzione alla sostenibilità: ecco cosa chiede ai brand il consumatore post-COVID

In un contesto fluido e incerto, i brand sono chiamati a diventare punto di riferimento per i consumatori, disposti ad ascoltare quanto hanno loro da offrire, ma spinti a preferire quelli in grado di tradurre ideali in cui riconoscersi e di favorire iniziative dai benefici tangibili per loro e per la comunità

NUDGESTOCK 2020 – insight dal Festival globale dedicato alle behavioural sciences (parte 2)

Ecco il secondo articolo dedicato al Festival globale di behavioural sciences creato da Ogilvy Uk. Rispetto al primo appuntamento, spazio a insight e speech dall’approccio spiccatamente più pratico

NUDGESTOCK 2020 – insight dal Festival globale dedicato alle behavioural sciences (parte 1)

Abbiamo seguito, in diretta streaming, il Festival globale di behavioural sciences creato da Ogilvy Uk. Qui sul nostro blog vogliamo parlarvi, in due appuntamenti, degli interventi che ci hanno ispirato di più

Il marketing post COVID-19 tra nuovi approcci, nuovi bisogni, nuovi trend

Mentre sempre più Paesi allentano le restrizioni, le imprese si trovano a pianificare un futuro di non facile lettura, rimettendo mano alle strategie elaborate a inizio 2020. Quali sono i trend che condizioneranno il post COVID-19 di cui tenere conto per restare rilevanti in un contesto inedito?

Abitudini di acquisto dopo Covid-19: il benessere, fisico e mentale, come primo metro di giudizio?

La pandemia ha spinto le persone a rimettere a fuoco priorità e bisogni: come cambiano i consumi dopo questa grande occasione di introspezione collettiva, in cui relazioni, well-being e funzionalità sembrano essere i grandi trend ? Un contributo pubblicato su WARC prova a delineare plausibili scenari.

L’estetica che piace al cervello: neuromarketing alleato del design per ambienti, materiali di comunicazione rilevanti e coinvolgenti

Grazie alla conoscenza del non conscio, possiamo stabilire quanto le caratteristiche estetiche di ciò che guardiamo giochino un ruolo cruciale nel modo in cui processiamo un determinato stimolo. Il neuromarketing è di grande aiuto per progettare materiali PoP e allestimenti brain friendly per il retail: più facili e piacevoli da processare per il cervello, in grado di attrarre e coinvolgere le persone in modo profondo.

Fare tesoro dell’esperienza. Oggi e, soprattutto, domani

Fare esperienza della realtà attraverso i sensi è un bisogno che, limitato da mesi di emergenza, tornerà con veemenza nel futuro prossimo, influenzando anche la customer experience. Il retail può reinventarsi puntando sulla sensorialità, aspetto cruciale di cui, nell’e-commerce, si avverte la mancanza.

Alone, together: oggi la vera sfida per i brand è salvaguardare la relazione con le persone

Le relazioni cambiano il modo con cui elaboriamo le informazioni e percepiamo la realtà. Per questo, soprattutto in un periodo in cui patiamo l’assenza di rapporti umani per i brand diventa cruciale curare tutti i touch point della customer experience per stimolare la relazione col consumatore e influenzare positivamente le decisioni d’acquisto e la brand loyalty.

La comunicazione è il perno delle relazioni. Per i Brand è lo strumento per restare rilevanti in un contesto mutato

Comunicare fa parte della nostra natura e ha contribuito alla nostra evoluzione, risultando essenziale nei momenti di difficoltà, come quello attuale: ma come farlo in modo efficace in un contesto nuovo, in cui mai come prima i consumatori chiedono ai brand vicinanza, affidabilità e trasparenza? Parola a Barbara Monteleone, Strategic Planner di Ottosunove.