La scienza dei colori

La scienza dei colori
Come il nostro cervello reagisce alle diverse tonalità cromatiche.


03 October 2017 - Visite : 87
#neuromarketing #colori

Nel mondo della comunicazione e della pubblicità, la scelta dei colori non è mai casuale. Infatti, ogni colore ha un diverso impatto sul cervello dell'uomo e quindi sul suo comportamento e sulle sue scelte. Ma cosa succede nel nostro cervello quando ci troviamo di fronte a un determinato colore?  

Secondo la neuroscienza

Per il cervello i colori non sono tutti uguali e le varie tonalità cromatiche producono delle reazioni chimiche. Lo dimostra uno studio effettuato dal professor Piero Barbanti, primario di Neurologia dell’Istituto San Raffaele Pisana di Roma.

Secondo la ricerca del dottor Barbanti, il verde e il blu sono i colori preferiti dall'essere umano, in quanto rilassano fino a ridurre il battito cardiaco e attivano la nostra creatività. Verde e blu vanno ad agire sul sistema parasimpatico. Nel rosso, invece, si racchiude lo stato primordiale dell'essere umano e infatti questo colore rappresenta il pericolo, la vita e la morte. Di fronte al rosso, infatti, si alza il livello di testosterone. Non è un caso, dunque, che il verde sia uno dei colori più utilizzati nelle campagne pubblicitarie e nel design, anche sul web. Il verde infatti richiama ambientazioni legate alla natura, è rilassante e ispira fiducia.

Secondo lo studio “Impact of color on marketing” dell'Università canadese di Winnipeg, fino al 90% della valutazione di un'immagine o di una situazione si basa sul colore. Questo significa che la nostra percezione e giudizio di un prodotto, o di un brand, può dipendere in larghissima parte dal suo colore predominante.

Infatti, chi si occupa di marketing sa bene che la scelta dei colori è fondamentale per la costruzione della brand identity.

Secondo la psicologia

Una strategia per essere efficaci? Sapersi distinguere. Come spiega la pubblicazione “Color Research & Application” condotta da Ellen Carter del Rensselaer Polytechnic Institute di Philadelphia, è molto importante per un marchio che appare per la prima volta sul mercato, mostrarsi con colori che i suoi competitor non utilizzano, per rendersi diverso e riconoscibile. Quella che esiste fra brand e colore è una relazione estremamente importante. Per esempio, a livello statistico, il bianco, il nero, l'argento e il grigio sono i colori più utilizzati per le auto, in quanto evocano potenza, eleganza e serietà.

L’aspetto razionale

Un altro studio, “Associazione dei colori” del professor Joe Hallock, dimostra che uomini e donne hanno percezioni differenti dei vari colori. Tale studio è stato condotto su un campione di 223 persone provenienti da 22 nazioni e i risultati hanno evidenziato che, a seconda del sesso, coincidono diverse e non casuali preferenze di colore. Il dato interessante è che il colore preferito, sia dagli uomini che dalle donne, è il blu. Fra i preferiti dal genere maschile vi sono poi verde, nero, rosso e arancione, mentre il gentil sesso apprezza maggiormente il viola, il rosso, il nero e il giallo.

Studi e ricerche su come il cervello si comporta di fronte ai diversi colori, sono ovviamente fonte di ispirazione per gli addetti ai lavori del mondo della comunicazione e del marketing. In particolar modo sul web, è costante la ricerca del minimo dettaglio per ottenere risultati sempre migliori in quanto a user experience ed engagement. Per esempio il contrasto luminoso, come quello creato da bianco e nero, è molto utile per mettere in evidenza delle informazioni dettagliate. Inoltre, molto spesso i colori vengono associati a determinate situazioni e dunque, culturalmente, sono un immediato richiamo a sensazioni ed emozioni conosciute.


Fonti ed approfondimenti:

San Raffaele - Il Prof. Barbanti spiega che correlazione esiste tra colori e parametri vitali e come utilizzarli per curare determinate patologie.

Emeraldinsight - Impact of color on marketing

Onlinelibrary.wiley - Color, Research and Application

Joehallock - colour assignment

 

 



Articolo di Marco Ceste